Zaia, multa di 1000 euro e denuncia per chi rifiuta tamponi e ricoveri.

Dopo la vicenda dell’imprenditore rientrato dalla Serbia e che aveva rifiutato tampone e ricovero, salvo poi essere ricoverato in ospedale in gravi condizioni, il governatore Zaia stringe e con una nuova ordinanza decreta sanzioni per coloro che sono positivi o sono entrati in contatto con persone positive.


Obbligo di isolamento fiduciario per 14 giorni nei casi di contatto a rischio con soggetti positivi arrivati in Veneto da paesi a rischio e di compresenza di febbre al di sopra dei 37,5 gradi e difficoltà respiratoria. Nel caso di viaggi di lavoro da Paesi esteri extra Shengen sono previsti due tamponi, a distanza di sette giorni uno dall’altro, per il lavoratore rientrato in Italia con l’obbligo da parte del datore di lavoro della segnalazione del rientro, e una sanzione di mille euro per ciascun dipendente dell’azienda nel caso di mancato rispetto della segnalazione.“

Gianantonio Bevilacqua
Gianantonio Bevilacqua 238 altri articoli
Gianantonio Bevilacqua, giornalista pubblicista dal 1998 Ordine dei Giornalisti - Regione Lombardia. , Esperto di difesa e politica

Scrivi il primo commento

Rispondi, replica o rettifica