Nessun risarcimento dalle assicurazioni ai 171 medici di famiglia e 14 farmacisti morti di Covid. Non è infortunio sul lavoro

Se per medici assunti dalla sanità, pubblica o privata, morti per l’infezione da Covid è previsto che le famiglie ricevano un indennizzo economico, così non sarà per i congiunti di medici di famiglia e farmacisti stroncati dalla malattia. Per una questione interpretativa giuridica, – si legge sul Corriere della Sera – infatti, le compagnie non riconoscono l’infezione da Covid-19 come infortunio sul lavoro.

Questi professionisti di solito pagano volontariamente una polizza assicurativa che copre i danni da infortuni, versando in media tra i mille e i duemila euro l’anno. Nel loro caso, a differenza dell’Inail, però, le compagnie assicurative private escludono che il contagio possa essere considerato un infortunio e non coprono i danni. Lo fanno se l’assicurato ha stipulato una polizza anche contro le malattie, ma è una cosa molto rara perché in Italia, per fortuna, c’è il Servizio sanitario nazionale che cura gratuitamente. Niente da fare quindi per i 171 medici di famiglia e i 14 farmacisti morti. Per loro, quindi, le regole dell’Inail non valgono. Sulla qualificazione dell’infezione come infortunio c’erano orientamenti opposti tra mondo assicurativo pubblico e mondo assicurativo privato già prima della pandemia. Tante famiglie si rivolgeranno alla magistratura per avere giustizia.

Fonte Affari Italiani

Gianantonio Bevilacqua
About Gianantonio Bevilacqua 238 Articles
Gianantonio Bevilacqua, giornalista pubblicista dal 1998 Ordine dei Giornalisti - Regione Lombardia. , Esperto di difesa e politica

Be the first to comment

Rispondi, replica o rettifica