Coronavirus, via libera della Commissione Ue al progetto per valutare l’efficacia del plasma iperimmune come terapia. San Matteo di Pavia e ASST Mantova in prima fila.

La Commissione Ue ha dato il via libera a un progetto internazionale per valutare se il plasma da persone guarite dal Covid-19 può essere una terapia efficace contro il coronavirus. Lo studio durerà 24 mesi e vedrà la partecipazione di 12 partner di 9 Paesi, tra cui l’Italia con il Centro nazionale sangue insieme alla Fondazione Irccs Policlinico San Matteo di Pavia e all’Asst di Mantova.

Il progetto si svilupperà sotto il coordinamento dell’Eba, l’European Blood Alliance, l’associazione che riunisce i centri sangue dei paesi dell’Unione Europea e dell’Associazione Europea per il Libero Scambio. Al termine del progetto il consorzio produrrà delle raccomandazioni che saranno applicabili in tutta Europa nell’epidemia attuale e in eventuali epidemie future.

“L’obiettivo principale – si legge in un comunicato – è di garantire una valutazione, basata sulle evidenze scientifiche, del plasma da convalescente Covid-19 e di raggiungere una armonizzazione fra tutti gli Stati membri sull’utilizzo clinico più appropriato, anche attraverso l’uso del database europeo sul Ccp di recente costruzione”.

Attraverso la raccolta e l’analisi dei dati dei donatori, dell’utilizzo clinico del plasma iperimmune e dei pazienti, il progetto servirà anche da base per ricerche successive, ad esempio sull’uso del plasma per la prevenzione del Covid-19 o sulla produzione di immunoglobuline specifiche, e produrrà anche una valutazione clinica di alta qualità degli studi in corso.

Fonte Il Fatto Quotidiano

Gianantonio Bevilacqua
Gianantonio Bevilacqua 238 altri articoli
Gianantonio Bevilacqua, giornalista pubblicista dal 1998 Ordine dei Giornalisti - Regione Lombardia. , Esperto di difesa e politica

Scrivi il primo commento

Rispondi, replica o rettifica