La semplicità al servizio della buona tavola pane, salame e Sangue di Giuda.

di Marcus Dardi

Felicità, è un bicchiere di vino con un panino cantavano a Sanremo Albano e Romina.

Cosa c’è di meglio di un buon pane e salame?

Nulla, è un cibo semplice, estremamente popolare, estremamente salutare ed estremamente semplice e gustoso.

La parola salame deriva dall’espressione latina “salamen” che indicava tutti i cibi salati.

L’espressione “sei un salame” alludendo al pesce salato veniva attribuito ad una persona goffa, lenta e impacciata.

Pensando al pane e salame, per star più leggeri si consiglia il Salame Milano.

Il Salame Milano è una specialità milanese che usa carni magre – spalla di maiale e manzo con lardo, pepe e poco vino aromatizzato con aglio.

Si presenta in 40, 50 cm di lunghezza e deve avere almeno 4 mesi di stagionatura.

La sua particolarità è che le parti grasse e magre sono di grana fine. Questi si realizza tritando la carne con un apposito tritacarne chiamato “finimondo” e lasciato stagionare per 9 settimane.

La Luganega è una salsiccia fatta con il Salame Milano.

Il salame Milano viene detto anche Crespone e sembra abbia avuto origini dal salame ungherese ma il salame Milano ha un gusto più dolce e delicato.

E il vino?

La semplicità al servizio della buona tavola pane, salame e Sangue di Giuda. 1 Nord Notizie

Per compensare il grasso del salame si consiglia un vino rosso frizzante, non troppo alcolico e abbastanza intenso.

Rimanendo il più vicini possibile a Milano, stappiamo un bel “Sangue di Giuda”

Il Sangue di Giuda è un vino dell’Oltrepò pavese. Viene coltivato in una zona molto circoscritta dove il terreno è argilloso e calcareo.

Il nome di questo vino proviene da una leggenda che val la pena di raccontare.

Narra dunque la leggenda che Giuda profondamente e amaramente pentito di aver tradito il suo “Maestro”, confesso il suo sentimento a Gesù.. Allora Gesù, in segno di perdono, fece resuscitare Giuda in quel di Broni, paese dell’Oltrepò Pavese.

Giuda apparve così, in carne e ossa, davanti a dei viticoltori. I contadini, riconoscendolo, lo volevano condannare per aver tradito Gesù, ma Giuda spiegò loro della grazia ricevuta da Gesù e compì lui stesso un miracolo.

Giuda risanò le viti dei contadini che non producevano più uva a causa di una grave malattia dei vigneti.

Le viti guarirono, produssero tanta uva e vi fu un’abbondanza di vino mai vista.

I contadini, riconoscenti del miracolo di Giuda, vollero allora rendergli omaggio chiamando quel vino “Sangue di Giuda”.

https://www.youtube.com/watch?v=yHXZPG20HSY

Un abbraccio/ a big Hug

Marcus Dardi

La semplicità al servizio della buona tavola pane, salame e Sangue di Giuda. 2 Nord Notizie
info@nadinemarcus.ithandy: +39 347-1871431
About Redazione 112 Articles
La Redazione

Be the first to comment

Rispondi, replica o rettifica