Mario Lavezzi: “Che sia l’inno della ripartenza” (video).

Testo di Mogol, musica, arrangiamento e interpretazione di Mario Lavezzi. Così è stato creato l’inno ufficiale della Regione Lombardia, che fu presentato in Consiglio Regionale lunedì 22 dicembre 2014. Ma come è nato e come si è sviluppato il progetto? Lo abbiamo chiesto proprio a Mario Lavezzi, co-autore ed interprete del brano. 72 anni compositore, cantautore e produttore discografico, lombardo e milanese DOC, ha composto e duettato con innumerevoli artisti di fama nazionale ed internazionale, tra cui va ricordato il sodalizio professionale con Loredana Bertè, Anna Oxa, Ornella Vanoni, Marcella Bella, Ivana Spagna, Fiorella Mannoia, Fausto Leali solo per citarne qualcuno.
Promotore, assieme a Mogol e Franco Mussida, del progetto Campusband Musica & Matematica, concorso per gli studenti appassionati di musica, recentemente ha festeggiato i 50 anni di carriera con l’uscita del suo nuovo libro E La Vita Bussò accompagnato dall’omonimo album.

Signor Lavezzi sei anni fa lei e Mogol siete stati chiamati a scrivere l’inno ufficiale della regione Lombardia. Com’è nata questa cosa?

Il Presidente Maroni ha proposto a me e Mogol di scrivere un inno alla Lombardia ed essendo ambedue lombardi di nascita, compresi i nostri genitori, abbiamo accettato molto volentieri.

Scrivere un inno immagino sia una cosa gravosa, perché deve rappresentare una popolazione, un territorio. Come vi siete approcciati a questo impegno?

Credo che il testo scritto di Mogol rappresenti molto bene le caratteristiche della gente lombarda.

Ascoltandolo si nota subito che avete in qualche modo abbandonato lo stereotipo dell’inno come tradizionalmente si intende, ossia pomposo, grave, da marcia tanto per intendersi, optando per un brano più leggero che però lascia trasparire un amore viscerale per questa terra.

Esattamente. E soprattutto io nel scrivere la musica e l’arrangiamento ho voluto sottolineare, attraverso la pulsazione ritmica, la dinamicità che caratterizza la nostra terra.

Che riscontri ha avuto del brano? È piaciuto? Lo so che è come chiedere all’oste se il vino è buono.

L’inno è stato presentato a tutto il Consiglio Regionale della Regione Lombardia che l’ha ascoltato, applaudito e approvato all’unanimità. Del resto sia io che Mogol l’abbiamo scritto pensando a tutta la popolazione lombarda, al di là degli schieramenti politici.

Lascio a lei la conclusione di questa chiacchierata.

In questo momento in cui si è attenuata l’emergenza, farebbe molto piacere sia a me che a Mogol che l’inno accompagnasse musicalmente la ripartenza della nostra regione.

https://www.youtube.com/watch?v=JtF1xi4JCPY
Roberto Pisani
Roberto Pisani 102 altri articoli
Regista televisivo e teatrale

Scrivi il primo commento

Rispondi, replica o rettifica