Apertura 18 maggio: oggi conferenza governo-regioni per linee guida.

Si svolgerà oggi 10 maggio il tavolo regioni-governo per discutere della riapertura, per il 18 maggio, degli esercizi e delle attività attualmente chiuse. Ad annunciarlo Stefano Bonaccini, presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, che, spiega, di aver condiviso la decisione col il ministro per gli affari regionali Francesco Boccia a seguito della richiesta ricevuta da tanti presidenti di Regione “ovviamente sulla base dell’andamento epidemiologico e il rispetto di protocolli di sicurezza condivisi”.

Condividendo lo spirito della richiesta e la necessità di avere chiarezza, anche per poter dare per tempo le dovute informazioni, ho condiviso con il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia che già domani sarà convocato confronto fra Governo e Conferenza delle Regioni“, dice Bonaccini.

Sono 10 i governatori che hanno scritto al Presidente della Conferenza delle Regioni sollecitandolo “a convocare urgentemente per domani un incontro con il Governo al fine di avere assoluta certezza che le linee Inail per le riaperture siano disponibili entro mercoledì e che dal 18 maggio ogni territorio possa consentire la ripartenza. Una prospettiva che, qualora fosse disattesa, porterà ad agire autonomamente” e, precisamente, i presidenti di Abruzzo, Calabria,Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Molise, Piemonte, Sardegna, Umbria, Veneto e il presidente della Provincia autonoma di Trento.

Presenti alla conferenza anche il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il Ministro della Salute Roberto Speranza, come confermato dal Ministro Boccia.

Comprendo perfettamente – ha dichiarato il ministro Boccia – l’esigenza delle Regioni di avere un quadro che consenta loro di avviare le riaperture differenziate e condivido la loro esigenza di averlo in tempi brevi. A tale proposito, ringrazio i presidenti per il senso di responsabilità e per la condivisione con il governo dell’esigenza di avere linee guida nazionali elaborate dal comitato scientifico su proposta Inail, sulla cui base eventuali ordinanze regionali, emesse prima delle nuove misure, dovranno essere riformulate, a tutela della salute pubblica e della sicurezza sul lavoro” ha dichiarato il ministro.

Tuttavia – ricorda infine Boccia – è utile già discutere con le Regioni le modalità di apertura o restrizione delle attività legate all’andamento dell’epidemia secondo il monitoraggio avviato dal ministro della Salute“.

tratto da rainews.it

About Roberto Pisani 102 Articles
Regista televisivo e teatrale

Be the first to comment

Rispondi, replica o rettifica